archivio

2008 - Dogato (FE) - Restauro Campanile

SITO: Il primo documento attestante l’esistenza della parrocchia risale al 1197 e parla di una chiesa dedicata all’apostolo Giacomo come, appunto, quella tuttora esistente.
Il 6 agosto del 1262 l’Arcivescovo Filippo concedeva ai canonici cantori della Metropolitana di Ravenna privilegi, beni e chiese tra cui la cappella “S. Jacobi de Ducatu”; addetto a questa cappella 5 anni prima era un prete di nome Pax indicato come “rector ecclesiae Ss. Jacobi et Philippi” in un documento da cui si evince la vera denominazione della chiesa più antica. Il 29 aprile del 1567 è testimoniata la prima visita pastorale fatta alla diocesi ravennate dal Cardinale Giulio della Rovere. Subito dopo questa visita, viene nominato parroco l’argentano Ercole Sinibaldi alla cui testimonianza si deve la notizia che il medesimo Cardinale della Rovere avrebbe edificato una nuova chiesa nell’anno 1575. Dell'edificio si ha descrizione nella visita fatta dal Cardinale Pietro Aldobrandini il 10 ottobre del 1615. Questa chiesa restò inalterata sino al 1786, quando il parroco Pietro Giovannelli diede inizio alla costruzione della nuova chiesa parrocchiale che venne edificata in prossimità di quella antica ma con il fronte sulla strada, e fu inaugurata al culto il primo giorno del 1788.
Durante l’ultima guerra, il 18 aprile del 1945, la chiesa venne completamente distrutta e ne rimase solamente il campanile.
COMMITTENTE: Parrocchia SS Filippo e Giacomo
PROGETTO: architetti Luca Farinelli, Giovanni Fortini, ing. Alessandro Strozzi
SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI: arch. Gabriele Pivari
IMPRESA ESECUTRICE: Zucchini & Boccafogli s.n.c.
CAMPANE E OROLOGIO: Elettrojolly s.n.c.
ANNO: 2005-2008



AZIONE: consolidamento delle strutture in muratura ad asse curvo della guglia; consolidamento delle murature mediante interventi localizzati di ricostituzione della continuità del paramento con la tecnica del cuci-scuci; ripristino degli elementi decorativi e delle cornici in cotto; verifica e risanamento delle catene esistenti; ripristino ed integrazione degli intonaci esistenti; sostituzione e ripristino dei manufatti metallici per staffe e catene, scale, ringhiere e parapetti , botole; sostituzione dei solai in legno lungo il fusto del campanile; sostituzione castello metallico campane; montaggio nuovo orologio centralizzato.

prima-dopo



rassegna stampa
2004 - Banana Urban Split
"Arhitektura Europan"
2001 - anguillAMetrica
Edizione Avantgarde